Torna al programma

Il complesso di Giona

Categoria : Affioramenti

Regia: Mariano Monea
Paese: Italia
Lingua: Nessun dialogo
Anno: 2018
Durata: 4'

Sceneggiatura: Mariano Monea
Musica: Federico Tramontana
Suono: Pino Greco


ISIA – Urbino

La Pietra di Liso vista come struttura insulare, è immagine mitica della Grande Madre, del ventre gonfio, del pane lievitato. Uno scrittore osservando la Pietra, scrisse: “è una balena arenata con il ritiro delle acque del mare”. L’immaginazione materiale e la figura mitica del ventre che custodisce l’essere dopo averlo inghiottito. Dall’alimento ingerito è possibile supporre una realtà: l’interiorizzazione di un pezzo di pane tostu, questa grande pietra in miniatura, “aiuta a postulare una interiorità”, dove “il reale è dapprima un alimento”. Questo rapporto di grandezza permette una poetica della rêverie bachelardiana, un’immaginazione materiale per l’emersione delle strutture antropologiche dell’immaginario.

Proiezioni
21.06.2019 – 15:45 – Sala della Ragione
23.06.2019 – 17:00 – Sala della Ragione