,

Punto a capo – Giornata 1

Manifesto Asolo Art Film FEstival 2017 Punto a capo

Si è aperta oggi l’edizione speciale dell’Asolo Art Film Festival, il più antico Festival di Film sull’arte e biografie d’artista. Speciale perché si propone come ponte di transizione tra il glorioso passato del Festival e la nuova edizione che vedrà la luce in giugno.
Questa anteprima del 2017, senza film in concorso,  è stata battezzata “Punto e a capo” per rimarcare la volontà di onorare la lunga storia di un evento di respiro internazionale ora pronto a ripartire verso un nuovo percorso.

La prima novità è la nuova sede, il Chiostro dei SS. Pietro e Paolo ad Asolo, che ha accolto una folla di affezionatissimi e curiosi e che a breve diventerà anche l’archivio della preziosa raccolta di film giunti da tutto il mondo nel corso di una storia iniziata nel 1973.

La quattro giorni (Festival Punto e a capo terminerà domenica 17) offre eventi speciali, performance, conferenze e tavole rotonde (ospite d’onore Adrian Maben), appuntamenti conviviali, musica e danza; a disposizione del pubblico una sala del convento ospita un’interessante selezione di film nella sezione retrospettiva “Festival History”.

Tra le inaugurazioni di oggi, “BRICS ART – Finestre sul mondo”, una serie di appuntamenti dedicati alla cinematografia e l’arte di alcuni paesi appartenenti al BRICS ed altre nazioni emergenti.  Nato da una fantastica intuizione di Attilio Zamperoni, il progetto BRICSart prevede la promozione e la valorizzazione delle espressioni artistiche provenienti da vari paesi emergenti e trasforma la città di Asolo in un punto d’incontro per il dialogo interculturale, un catalizzatore di idee da cui trarre ispirazione. Inizialmente dedicato ai paesi facenti parte della classificazione economica BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), il progetto si estende alla valorizzazione dell’arte prodotta in tutti i paesi fuori dall’orbita occidentale, emergenti e non, come l’Est Europa, i paesi del Mediterraneo, il Medio Oriente, il Sud America e l’Africa.

Proiezioni di opere originali celebrano la vocazione di Asolo all’interculturalità: la sezione “Focus on: Brasile” ha visto tra gli ospiti il Segretario della Cultura dello Stato di Goias Nasr Nagib Chaul, il Soprintendente del Centro Culturale Oscar Niemeyer Lisandro Nogueria e Marcia Marina da Silva, Presidente AFA, che hanno introdotto la rassegna “BRICS ART: BRASILE”, una selezione dei film vincitori del Fica Goiás (Festival Internazionale del Cinema Ambientale) che accompagnerà il pubblico per tutte e quattro le giornate, oltre ai reading poetici, perfomance musicali e di danza.

Inaugurata anche la mostra di abiti di scena e di fotografie inedite dal soggiorno asolano di Ingrid Bergman con contestuale presentazione del libro di Luciana Boccardi “Ingrid tra colline viola”, ricordo dell’incontro con l’attrice ad Asolo per il conferimento del primo Premio Eleonora Duse (1977).

 

 

La giornata di oggi si è conclusa in Piazza Garibaldi con la Cerimonia di scoprimento della grandiosa scultura di Giovanni Casellato “Life is a movie”, che rappresenterà il Festival di Asolo in tutto il mondo, con  accompagnamento Gospel a cura dei giovani allievi della Scuola di Musica Monteverdi di Musile di Piave.

Seguiteci anche nei prossimi giorni, Asolo Art Film Festival Punto e a capo è appena cominciato!

 

Facebook

 

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *