Brescia Oggi 10-09-2017

Ad Asolo arte e cinema sposano il digitale

 

Torna ad Asolo l’Art Film Festival. Dal 14 al 17 settembre quattro giornate dedicate alla cinematografia d’arte. Edizione speciale quella di quest’anno, che nella nuova sede del Chiostro dei Santi Pietro e Paolo ad Asolo fa il punto sulla storia del Festival internazionale.

Nel chiostro sarà anche allestito l’importante archivio filmico della rassegna. I quattro giorni di settembre anticipano il «calendario ufficiale» già fissato dal 4 al 10 giugno 2018, quando saranno riproposti anche i concorsi che hanno sempre caratterizzato la rassegna nata nel ’73 con una formula che ha richiamato artisti da tutto il mondo.

Nel primo giorno di rassegna si inaugura una mostra fotografica su Ingrid Bergman in occasione del quarantennale del primo Premio Eleonora Duse all’attrice. La mostra allestita al Collegio Santi Pietro e Paolo svela fotografie inedite che ritraggono l’attrice durante il suo soggiorno asolano, accompagnate dai ricordi di Luciana Boccardi, autrice di «Con Ingrid tra le colline viola». Per ricordare la Bergman anche una mostra di moda a cura degli stilisti contemporanei.

Saranno molti gli appuntamenti conviviali, ogni sera con un buffet a tema. Sonorità gospel e musiche da film si alternano alle frenetiche percussioni dei Batique. E poi performance di danze etniche e spettacoli che combinano balli e musiche all’impiego delle tecnologie digitali.

Eventi musicali e di danza, reading poetici, proiezioni di opere originali celebrano la vocazione di Asolo all’interculturalità. In programma anche approfondimenti sulla cinematografia di Africa, Brasile e Russia e Taiwan con un excursus sulla new media art. Durante il Festival sarà anche proiettato «Be Right Back», il primo documentario su e con Maurizio Cattelan, e lo storico docu-film «Pink Floyd: Live at Pompei», alla presenza del regista Adrian Maben. Ci sarà spazio anche per riflessioni e tavole rotonde per pensare il futuro del festival alla luce delle nuove tecnologie: una line-up di speaker internazionali si danno appuntamento ad Asolo, durante il Festival per capire come tecnologie digitali e nuovi media rimodulino la contemporanea percezione dell’arte e del reale. Sabato e domenica si potranno vedere le installazioni multimediali e immersive, di Alessandro Amaducci, Selene Citron e Luca Lunardi, Igor Imhoff, Eleonora Manca, Raffaella Rivi e Filippo Scaboro. Info su www.asoloartfilmfestival.com.

Simone Azzoni

 

da Brescia Oggi

 

 

 

Treviso Today 06-09-2017

AsoloArtFilmFestival 2017: a Franco Antonello la prima edizione del “Premio Attilio Zamperoni”

Manager e imprenditore, Antonello è promotore della Fondazione trevigiana ‘I bambini delle fate’ e sarà premiato per “aver rinnovato dal suo interno le comunità per disabili”

ASOLO Domenica 17 settembre presso il Convento dei SS. Pietro e Paolo in Asolo si svolgerà la cerimonia di conferimento del Premio Attilio Zamperoni da parte dell’AsoloArtFilmFestival. Alla sua prima edizione, il premio sarà assegnato con cadenza annuale, nel mese di settembre, ad una personalità di spicco del Veneto che si sia contraddistinta per innovazione e creatività, riuscendo a concretizzare idee e progetti impegnativi e visionari, così da contribuire alla promozione del territorio a livello culturale, sociale ed economico. Il premiato dell’edizione 2017 è il manager e imprenditore Franco Antonello, promotore della Fondazione trevigiana «I bambini delle fate», che dal 2005 aiuta i bambini autistici, come suo figlio Andrea, 23 anni, affetto da autismo dall’età di due e mezzo. Grazie alle entrate delle 700 imprese e dei 2.500 privati ad essa legati, la Fondazione finanzia una cinquantina di progetti in tutta Italia che riguardano ragazzi con diverse disabilità.

“Per la prima edizione del Premio Zamperoni abbiamo voluto premiare una figura esemplare per l’ingegno con cui ha saputo affrontare una difficile situazione famigliare e far nascere un sistema di aiuti, in grado di affiancare le migliaia di famiglie che in Italia vivono il dramma della disabilità”, dichiara Annamaria Sartor, Project Manager di AsoloArtFilmFestival e promotrice dell’iniziativa. “Franco Antonello non si è speso solo per i suoi cari, ma ha saputo ideare e concretizzare, che è ciò che più conta, un sistema di aiuto per moltissime realtà associative impegnate nell’aiuto a molte persone in difficoltà e ai tanti disabili che sono privi di sostegno e sono costretti ad arrangiarsi, sentendosi dimenticati dalla società. Oltre ad aiutare le persone in difficoltà e le loro famiglie, Antonello ha creato una vera ‘macchina da guerra’, capace di rinnovare dal suo interno le nostre comunità, sensibilizzando noi tutti cosiddetti ‘normo dotati’ sul problema della disabilità, insegnandoci a prestare ascolto alla diversità e a capire cosa essa può insegnarci: un modo nuovo, più vero, di vivere questa meravigliosa esperienza che è la vita”.

“Con l’assegnazione di questo premio a una personalità veneta di qualsiasi ambito, non necessariamente quello culturale ed artistico”, dice Sartor, “si è  voluto e si vuole, per le prossime edizioni, mettere in evidenza le situazioni di eccellenza umana presenti nel nostro territorio, per noi da portare ad esempio”. Il Premio Attilio Zamperoni è dedicato alla memoria dello storico patron dell’Asolo Art Film Festival, figura centrale della cultura asolana e trevigiana della seconda metà del Novecento: apprezzato tenore, fervidissimo promotore culturale, delegato italiano in Russia, Zamperoni è stato inventore di tanti festival culturali rivolti in particolare ai più giovani, artefice di quella fervidissima stagione culturale rappresentata dagli Amici della musica di Asolo e dal Festival degli incontri musicali, entrambi da lui fondati, che hanno portato ad Asolo i nomi più importanti del panorama musicale internazionale

La cerimonia di premiazione si inserisce nell’ambito degli eventi celebrativi di Asolo Art Film Festival, “Punto. A Capo”: dal 14 al 17 settembre, quattro intense giornate di appuntamenti con rassegne di videoarte, proiezioni di film, dibattiti, workshop, grande cinema in anteprima, mostre di fotografia e di moda. Una vera e propria Festa del Festival, che si conclude proprio domenica sera, dopo la consegna del Premio a Franco Antonello dove l’imprenditore spiegherà al pubblico i suoi nuovi e importanti progetti futuri.ì Al termine, i ritmi frenetici dei Bloko Intestinhao, la travolgente band di Italia’s Got Talent, che inviterà tutti alle danze.

 

 

da TREVISOTODAY

SCARICA PDF

 

 

La Tribuna 05.09.2017

Asolo

Casellato, bobina in piazza

ASOLO. Il metallo si piega e assume forme leggere e sinuose, ad esempio quella impalpabile di una pellicola cinematografica sbobinata. Arte che confonde e stupisce. La lega di acciaio corten, domata dall’artista di Maser Giovanni Casellato, si attorciglia fino a creare le parole “ Life is a movie” (La vita è un film). Il diametro della bobina è di 241 cm per 61 di larghezza, mentre la lunghezza è di 16,90 metri. La scultura sarà installata nel cuore di Asolo la prossima settimana per rappresentare l’Asolo Art Film Festival, rassegna cinematografica di portata internazionale. Il suo arrivo è previsto nei prossimi giorni, intanto, chi volesse ammirarla già questa sera, lo potrà fare alle 19, durante alla serata di incontro con Casellato all’Isola Tiberina di Roma. Ultimo evento pubblico prima che l’opera traslochi dalla capitale bagnata dal Tevere alle dolci colline del borgo asolano. «Life is a movie, la vita è un film in cui noi siamo i protagonisti. Dove ognuno è coinvolto in una sceneggiatura non scritta, gli attori ti regalano emozioni che danno vita al film, i protagonisti si fondono con altri protagonisti, storie di vita che interagiscono e poi scemano. Ci sono film che nascono, poi finiscono e influenzano altri film, altri vissuti, altre sceneggiature, altri attori. Immagino la vita come una bobina che avvolge una pellicola, la pellicola! Pronta per girare e poi essere riavvolta per poi girare ancora ed essere nuovamente riavvolta e così via» spiega Casellato. Artista eclettico, laureato in Architettura all’università IUAV, ha esposto in molte città italiane ed europee e nel 2008 ha partecipato alla Biennale di Venezia. (v.c.)

da La Tribuna di Treviso

 

La tribuna asolo art film festival

 

 

 

 

 

L’Arena 18.08.2017

Bergman, ricordo senza fine

Ritratti inediti di una diva

Torna ad Asolo l’Art Film Festival. Dal 14 al 17 settembre quattro giornate dedicate alla cinematografia d’arte. Edizione speciale quella di quest’anno, che nella nuova sede del Chiostro dei Santissimi Pietro e Paolo ad Asolo fa il punto sulla storia del Festival internazionale. Proprio nel chiostro sarà anche allestito l’importante archivio filmico dell’Art Film Festival. I quattro giorni di settembre anticipano il “calendario ufficiale” già fissato dal 4 al 10 giugno 2018. In quell’occasione saranno riproposti anche i concorsi che hanno sempre caratterizzato la rassegna nata nel 1973, con una formula che ha richiamato artisti da tutto il mondo. Intanto a settembre si riafferma vitalità e interesse che il Festival ha raccolto attorno a sé.

MOSTRA. Giovedì 14 settembre si inaugura una mostra fotografica su Ingrid Bergman in occasione del quarantennale del primo Premio Eleonora Duse all’attrice.

La mostra allestita al Collegio Santissimi Pietro e Paolo svela fotografie inedite che ritraggono l’affascinante attrice durante il suo soggiorno asolano, accompagnate dai ricordi di Luciana Boccardi, autrice del volume Con Ingrid tra le colline viola.

RICORDO. Per ricordare la Bergman anche una mostra di moda a cura degli stilisti contemporanei. Dal 14 al 17 molti gli appuntamenti conviviali. Sonorità gospel e musiche da film si alternano alle frenetiche percussioni dei Batique. Perfomance di danze etniche e spettacoli che combinano le movenze corporee e la musica all’impiego delle tecnologie digitali e ogni sera avrà un buffet a tema.

SENZA FRONTIERE. Eventi musicali e di danza, reading poetici, proiezioni di opere originali celebrano la vocazione di Asolo all’interculturalità, micro incursioni approfondiranno la cineamtografia dell’Africa, Brasile e Russia e Taiwan con un excursus sulla new media art.

Durante il Festival sarà anche proiettato Be Right Back, il primo documentario su e con Maurizio Cattelan, in premiere asolana e lo storico docufilm Pink Floyd: Live at Pompei, alla presenza del regista Adrian Maben. In programma anche riflessioni e tavole rotonde per pensare il futuro del festival alla luce delle nuove tecnologie: una line-up di speaker internazionali si danno appuntamento ad Asolo, durante il Festival per capire come tecnologie digitali e nuovi media rimodulino la contemporanea percezione dell’arte e del reale. Sabato e domenica si potranno vedere le installazioni multimediali e immersive, di Alessandro Amaducci, Selene Citron e Luca Lunardi, Igor Imhoff, Eleonora Manca, Raffaella Rivi e Filippo Scaboro. Info su www.asoloartfilmfestival.com.

Simone Azzoni

 

 

Vedi l’articolo

 

da L’Arena

SCARICA PDF

ABCVENETO.COM 16.08.2017

ABCVENETO.COM
NUMERO 161

 

ASOLO ART FILM FESTIVAL: PUNTO E A CAPO

16 agosto 2017

A cura di Abcveneto

Ad Asolo, dal 14 al 17 settembre, quattro intense giornate di appuntamenti per Asolo Art Film Festival, il più antico Festival di Film sull’arte e biografie d’artista. Un’edizione “Punto e a capo” per riepilogarne la lunga storia e preparare un nuovo futuro, nella nuova sede del Chiostro dei SS. Pietro e Paolo ad Asolo dove sarà anche allestito l’importante archivio filmico dell’Art Film Festival di Asolo raccolto durante una lunga storia di altissimo profilo internazionale.

Asolo Art Film Festival rinasce, e dopo questa edizione “intermedia” sposterà i suoi appuntamenti a giugno, così com’è stato nella sue prime edizioni. Il prossimo appuntamento con Asolo Art Film Festival è, infatti già stato fissato dal 4 al 10 giugno 2018 e riproporrà anche i concorsi che hanno sempre caratterizzato la rassegna nata nel 1973, con una formula che ha richiamato artisti da tutto il mondo e che sarà “aggiornata” nei temi per continuare ad essere un osservatorio privilegiato sulle nuove forme e tendenze dell’espressività contemporanea.

Ma, intanto, per questa edizione “Punto e a Capo”, il Festival vuole soprattutto affermare la sua vitalità, forte della sua storia e delle straordinarie energie e relazioni internazionali che ha saputo raccogliere intorno a sé. www.asoloartfilmfestival.com

Asolo Art Film Festival

Collegio SS. Pietro e Paolo – via Collegio 31011 Asolo (TV)

www.asoloartfilmfestival.com – info@asoloartfilmfestival.com

Tel. 346 82 99 680

ASOLO ART FILM FESTIVAL 2017 “PUNTO E A CAPO”: GLI APPUNTAMENTI

Giovedì 14 settembre 2017

40 ANNI INGRID

Presentazione libro e mostre fotografica e di moda

In occasione dei 40 anni dal conferimento del primo Premio Eleonora Duse ad Ingrid Bergman, in collaborazione con l’Associazione Paolo Rizzi, una mostra di fotografie inedite ritraggono l’affascinante attrice durante il suo soggiorno asolano, accompagnate dai ricordi di Luciana Boccardi, autrice del volume Con Ingrid tra le colline viola.

Videoproiezione del filmato originale Tributo ad Ingrid (Venezia, 31 agosto 1983), con la partecipazione di molte star hollywoodiane. In esclusiva, capsule d’alta moda Ingrid. Oggi: la celebre designer di borse Elisabetta Armellini ed altri stilisti di fama internazionale (Balestra, Persechino, Gattinoni, Curiel e Moraro) interpretano lo stile della Bergman in chiave contemporanea. Mostre visitabili da giovedì 14 a domenica 17 settembre.

LA FESTA DEL FESTIVAL

da giovedì 14 a domenica 17 ristorazione a Tema, Musica e Danza

Una serie di eventi collaterali e appuntamenti conviviali perché il Festival sia davvero la festa di tutti: sonorità gospel e musiche da film si alternano alle frenetiche percussioni dei Batique. Perfomance di danze etniche od originali spettacoli che combinano le movenze corporee e la musica all’impiego delle tecnologie digitali. E poi, ogni sera un buffet a tema: si apre giovedì con “Cornaro Convivio”, per proseguire con “Spariglio di Laguna” e “Idea vegana” fino alla serata di domenica con “Mercato di pietanze etniche”.

FESTIVAL HISTORY: Retrospettiva della creatività ad Asolo

da giovedì 14 a domenica 17 proiezioni a ciclo continuo

Proiezioni a ciclo continuo di alcuni tra i più suggestivi lavori che negli anni hanno partecipato ad AsoloArtFilmFestival: un’occasione unica per appassionati e curiosi per vedere o rivedere film oggi quasi introvabili.

BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO

da giovedì 14 a domenica 17 proiezioni e perfomances

Una serie di appuntamenti dedicati alla cinematografia e l’arte di alcuni paesi appartenenti al BRICS ed altre nazioni emergenti. Perfomance musicali e di danza, reading poetici, proiezioni di opere originali celebrano la vocazione di Asolo all’interculturalità.

Focus on: Brasile. Con la partecipazione del Sovrintendente della Cultura dello Stato di Goias Nars Chaul. Proiezione dei film vincitori del Festival Internazionale del Cinema Ambientale di Goias.

Inaugurazione della scultura di 17 metri realizzata dallo scultore Giovanni Casellato, che sarà posizionata al centro di Asolo durante i giorni del festival. Sarà svelata solo la sera di giovedì con accompagnamento di canti gospel.

venerdì 15 settembre 2017

WORKSHOP MANIFESTO PER IL (NUOVO) FESTIVAL: tavola rotonda aperta al pubblico, per ripercorrere insieme la prestigiosa storia di AsoloArtFilmFestival e tracciarne le rotte per un futuro. Pensando che sia le forme espressive artistiche sia le tecnologie legate alle immagini sono mutate dal 1973 ad oggi. Intervengono: Bettina Ehrhardt, Giulia Lavarone, Lisandro Nogueira, Fabrizio Panozzo, Alessandro Romanini, Tatiana Shumova, Alessandro Tomei, Marco Tonon, Luciano Zaccaria, Andrea Franchin

BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO

Focus on: Russia. Grazie alla collaborazione del Centro dei Festival cinematografici e programmi internazionali della Federazione Russa, un’affascinante rassegna dedicata alla locale cinematografia.

MAURIZIO CATTELAN: BE RIGHT BACK

proiezione del film Maurizio Cattelan: Be Right Back, il primo documentario su e con Maurizio Cattelan, in premiere asolana dove l’ironia verso il mondo dell’arte crea a sua volta una forma artistica.

sabato 16 settembre 2017

BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO

Focus on: Taiwan. Una rassegna di new media art, che permette di penetrare nella cybernetica cultura di questo rivoluzionario paese, scoprendo innovazioni e linguaggi presto parte della nostra quotidianità. Curata dalla storica dell’arte Yunnia Yang e già presentata nelle scorse settimane in Macedonia, Croazia, Slovenia e Germania, è un’esclusiva italiana per Asolo Art Film Festival.

NUOVE TECNOLOGIE DELL’IMMAGINE

Dissertazioni libere

Una line-up di speaker straordinari per capire come tecnologie digitali e nuovi media rimodulino la contemporanea percezione dell’arte e del reale. I quattro panel della conferenza: “L’immagine ritrovata. Conservazione, restauro, valorizzazione dei documenti audiovisivi” – “Creatività&digitale: Motion graphic e animazione 3D” – “Oltre lo schermo: l’immagine in movimento nelle esperienze immersive – “Videoarte: sperimentazione e contaminazione”. Interventi di: Debora Ferrari e Luca Traini (Musea_Game Art Gallery, Neoludica_Art is a Game), Roberto Fiorini (CrossmediaGroup; Klimt Experience), Fabio Viola (TuoMuseo, Gameification).

sabato 16 – domenica 17 settembre 2017

MOSTRE & INSTALLAZIONI IMMERSIVE

Perfomance e installazioni multimediali e immersive, di: Alessandro Amaducci, Selene Citron e Luca Lunardi, Igor Imhoff, Eleonora Manca, Raffaella Rivi, Filippo Scaboro.

PINK FLOYD: LIVE AT POMPEI

Proiezione dello storico docu-film Pink Floyd: Live at Pompei, alla presenza del regista Adrian Maben, che nel 2006 fu insignito del Premio Flavia Paulon alla carriera.

domenica 17 settembre 2017

BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO

Focus on: Africa. Proiezione di film, per uno sguardo sulle esperienze creative originali del continente africano

PREMIO ATTILIO ZAMPERONI

Cerimonia di Conferimento

In memoria dello storico patron del Festival, di cui si vuole ricordare i tratti di talento e genialità, nonché l’indiscutibile generosità, il Premio Attilio Zamperoni vuole mettere in evidenza e valorizzare, portandole ad esempio, le caratteristiche di eccellenza, forza interiore, genialità e generosità presenti in molti ambiti del territorio veneto. Verrà quindi attribuito ad una personalità veneta, che si sia contraddistinta per innovazione e creatività, riuscendo a concretizzare idee e progetti impegnativi e visionari, così da contribuire alla promozione del territorio a livello culturale, sociale ed economico: il nome del vincitore della prima edizione sarà svelato soltanto domenica 17.

Performances di danza nel chiostro con balli etnici e le percussioni dei Batique

A cura di Abcveneto

Vedi l’articolo

 

da ABC VENETO

SCARICA PDF

TREVISO TODAY 10.08.2017

asolo art film festival. punto. a capo. 14-17 settembre 2017

Ad Asolo, dal 14 al 17 settembre, quattro intense giornate di appuntamenti per Asolo Art Film Festival, il più antico Festival di Film sull’arte e biografie d’artista. Un’edizione “Punto e a capo” per riepilogarne la lunga storia e preparare un nuovo futuro, nella nuova sede del Chiostro dei SS. Pietro e Paolo ad Asolo dove sarà anche allestito l’importante archivio filmico dell’Art Film Festival di Asolo raccolto durante una lunga storia di altissimo profilo internazionale.

Asolo Art Film Festival rinasce, e dopo questa edizione “intermedia” sposterà i suoi appuntamenti a giugno, così com’è stato nella sue prime edizioni. Il prossimo appuntamento con Asolo Art Film Festival è, infatti già stato fissato dal 4 al 10 giugno 2018 e riproporrà anche i concorsi che hanno sempre caratterizzato la rassegna nata nel 1973, con una formula che ha richiamato artisti da tutto il mondo e che sarà “aggiornata” nei temi per continuare ad essere un osservatorio privilegiato sulle nuove forme e tendenze dell’espressività contemporanea. Ma, intanto, per questa edizione “Punto e a Capo”, il Festival vuole soprattutto affermare la sua vitalità, forte della sua storia e delle straordinarie energie e relazioni internazionali che ha saputo raccogliere intorno a sé.

GLI APPUNTAMENTI Giovedì 14 settembre 2017 40 ANNI INGRID Presentazione libro e mostre fotografica e di moda In occasione dei 40 anni dal conferimento del primo Premio Eleonora Duse ad Ingrid Bergman, una mostra di fotografie inedite ritraggono l’affascinante attrice durante il suo soggiorno asolano, accompagnate dai ricordi di Luciana Boccardi, autrice del volume Con Ingrid tra le colline viola. Videoproiezione del filmato originale Tributo ad Ingrid (Venezia, 31 agosto 1983), con la partecipazione di molte star hollywoodiane. In esclusiva, capsule d’alta moda Ingrid. Oggi: la celebre designer di borse Elisabetta Armellini ed altri stilisti di fama internazionale (Balestra, Persechino, Gattinoni, Curiel e Moraro) interpretano lo stile della Bergman in chiave contemporanea. Mostre visitabili da giovedì 14 a domenica 17 settembre. LA FESTA DEL FESTIVAL da giovedì 14 a domenica 17 ristorazione a Tema, Musica e Danza Una serie di eventi collaterali e appuntamenti conviviali perché il Festival sia davvero la festa di tutti: sonorità gospel e musiche da film si alternano alle frenetiche percussioni dei Batique. Perfomance di danze etniche od originali spettacoli che combinano le movenze corporee e la musica all’impiego delle tecnologie digitali. E poi, ogni sera un buffet a tema: si apre giovedì con “Cornaro Convivio”, per proseguire con “Spariglio di Laguna” e “Idea vegana” fino alla serata di domenica con “Mercato di pietanze etniche”.

FESTIVAL HISTORY: Retrospettiva della creatività ad Asolo da giovedì 14 a domenica 17 proiezioni a ciclo continuo Proiezioni a ciclo continuo di alcuni tra i più suggestivi lavori che negli anni hanno partecipato ad AsoloArtFilmFestival: un’occasione unica per appassionati e curiosi per vedere o rivedere film oggi quasi introvabili. BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO da giovedì 14 a domenica 17 proiezioni e perfomances Una serie di appuntamenti dedicati alla cinematografia e l’arte di alcuni paesi appartenenti al BRICS ed altre nazioni emergenti. Perfomance musicali e di danza, reading poetici, proiezioni di opere originali celebrano la vocazione di Asolo all’interculturalità. Focus on: Brasile. Con la partecipazione del Sovrintendente della Cultura dello Stato di Goias Nars Chaul. Proiezione dei film vincitori del Festival Internazionale del Cinema Ambientale di Goias. Inaugurazione della scultura di 17 metri realizzata dallo scultore Giovanni Casellato, che sarà posizionata al centro di Asolo durante i giorni del festival. Sarà svelata solo la sera di giovedì con accompagnamento di canti gospel. venerdì 15 settembre 2017 WORKSHOP MANIFESTO PER IL (NUOVO) FESTIVAL: tavola rotonda aperta al pubblico, per ripercorrere insieme la prestigiosa storia di AsoloArtFilmFestival e tracciarne le rotte per un futuro. Pensando che sia le forme espressive artistiche sia le tecnologie legate alle immagini sono mutate dal 1973 ad oggi. Intervengono: Bettina Ehrhardt, Giulia Lavarone, Lisandro Nogueira, Fabrizio Panozzo, Alessandro Romanini, Tatiana Shumova, Alessandro Tomei, Marco Tonon, Luciano Zaccaria, Andrea Franchin BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO Focus on: Russia.

Grazie alla collaborazione del Centro dei Festival cinematografici e programmi internazionali della Federazione Russa, un’affascinante rassegna dedicata alla locale cinematografia. MAURIZIO CATTELAN: BE RIGHT BACK proiezione del film Maurizio Cattelan: Be Right Back, il primo documentario su e con Maurizio Cattelan, in premiere asolana dove l’ironia verso il mondo dell’arte crea a sua volta una forma artistica. sabato 16 settembre 2017 BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO Focus on: Taiwan. Una rassegna di new media art, che permette di penetrare nella cybernetica cultura di questo rivoluzionario paese, scoprendo innovazioni e linguaggi presto parte della nostra quotidianità. Curata dalla storica dell’arte Yunnia Yang e già presentata nelle scorse settimane in Macedonia, Croazia, Slovenia e Germania, è un’esclusiva italiana per Asolo Art Film Festival. NUOVE TECNOLOGIE DELL’IMMAGINE Dissertazioni libere Una line-up di speaker straordinari per capire come tecnologie digitali e nuovi media rimodulino la contemporanea percezione dell’arte e del reale. I quattro panel della conferenza: “L’immagine ritrovata. Conservazione, restauro, valorizzazione dei documenti audiovisivi” – “Creatività&digitale: Motion graphic e animazione 3D” – “Oltre lo schermo: l’immagine in movimento nelle esperienze immersive – “Videoarte: sperimentazione e contaminazione”. Interventi di: Debora Ferrari e Luca Traini (Musea_Game Art Gallery, Neoludica_Art is a Game), Roberto Fiorini (CrossmediaGroup; Klimt Experience), Fabio Viola (TuoMuseo, Gameification). sabato 16 – domenica 17 settembre 2017 MOSTRE & INSTALLAZIONI IMMERSIVE Perfomance e installazioni multimediali e immersive, di: Alessandro Amaducci, Selene Citron e Luca Lunardi, Igor Imhoff, Eleonora Manca, Raffaella Rivi, Filippo Scaboro. PINK FLOYD: LIVE AT POMPEI Proiezione dello storico docu-film Pink Floyd: Live at Pompei, alla presenza del regista Adrian Maben, che nel 2006 fu insignito del Premio Flavia Paulon alla carriera. domenica 17 settembre 2017 BRICS ART: FINESTRE SUL MONDO Focus on: Africa. Proiezione di film, per uno sguardo sulle esperienze creative originali del continente africano PREMIO ATTILIO ZAMPERONI Cerimonia di Conferimento In memoria dello storico patron del Festival, di cui si vuole ricordare i tratti di talento e genialità, nonché l’indiscutibile generosità, il Premio Attilio Zamperoni vuole mettere in evidenza e valorizzare, portandole ad esempio, le caratteristiche di eccellenza, forza interiore, genialità e generosità presenti in molti ambiti del territorio veneto. Verrà quindi attribuito ad una personalità veneta, che si sia contraddistinta per innovazione e creatività, riuscendo a concretizzare idee e progetti impegnativi e visionari, così da contribuire alla promozione del territorio a livello culturale, sociale ed economico: il nome del vincitore della prima edizione sarà svelato soltanto domenica 17. Performances di danza nel chiostro con balli etnici e le percussioni dei Batique

 

Vedi l’articolo

 

da TREVISOTODAY

SCARICA PDF